Feb 8, 2005
907 Views
0 0

Gagarin

Written by

Quell’aprile si incendiò
al cielo mi donai
Gagarin figlio dell’umanità
e la terra restò giù
più piccola che mai
io la guardai non me lo perdonò

e l’azzurro si squarciò
le stelle trovai lentiggini di Dio
col mio viso sull’oblò
io forse sognai
e ancora adesso io volo

e lasciavo casa mia
la vodka ed i lillà
e il lago che bagnò il bambino Yuri
con il piede io scansai
bugie e volgarità
calunnie guerre maschere antigas

come un falco mi innalzai
e sul Polo Nord sposai l’eternità
anche l’ombra mi rubò
e solo restai
e ancora adesso io volo
e ancora adesso io volo
volo
volo
nell’infinito io volo

sotto un timbro nero ormai
io vi sorrido ma il mio sorriso se n’è andato via
io vestito da robot
per primo volai
e ancora adesso io volo
e ancora adesso io volo
volo
volo
e ancora adesso io
e ancora adesso io volo
volo
volo
nell’infinito io volo

Article Categories:
Solo · Testi

Leave a Comment