Gen 3, 2006
1080 Views
0 0

Le vie dei colori

Written by

Oh bella mia
io vado via
e non ti porto con me
c’e’ un viaggio che
ognuno fa solo con se
perche’ non e’ che si va vicino
perche’ un destino non ha

un mattone vuole esser casa
un mattino divinere chiesa
ed il matto che c’e’ in me
che si chiede che cos’e’
vuole diventare qualche cosa

e sarà una strada senza fine
sotto una spada o su una fune
a cercare il mio Far West
a trovare il Santo Graal
una corsa brada oltre il confine

una luce prendero’
per te là fuori
quando io camminero’
le vie dei colori

scalero’ le rocce in mezzo al vento
sulle tracce di chi ha perso o vinto
vaghero’ la mia odissea
nella idea di te mia idea
tagliati le trecce e vai in convento

una voce prendero’
per te la’ fuori
quando io camminero’
le vie dei colori

c’era un cavaliere
bianco e nero prigioniero
senza un sogno ne’ un mistero
senza fede ne’ eresia
senza le ali di un destriero
senza le onde di un veliero

se la sorte rivolesse cio’ che ho speso
io forte non sarei per il tuo peso
a volare in un rodeo
a valere in un torneo
della morte ed essere il tuo sposo

una pace prendero’
per te la’ fuori
quando io camminero’
le vie dei colori

c’era un cavaliere
bianco e nero prigioniero
senza un posto ne’ un sentiero

senza diavolo ne’ Dio
senza un cielo da sparviero
senza un grido di un guerriero
io ti lascio senza perderti
e ti perdo un po’
anche se poi
lasciarti e’ un po’ perdermi

o bella mia
o bella ciao
io sono via
con un pensiero di te immenso
e un nuovo senso di me

c’era un cavaliere giallo
che rubo’ un cavallo alle scogliere
e un cristallo alle miniere di un metro’
sulle ciminiere disegno’ un castello di corallo
e al ballo tutto il quartiere ando’

oh bella mia oh bella mia
che festa sia che festa sia!

c’era un cavaliere rosso
che sali’ sul dosso di bufere
sopra il fosso delle sere di citta’
dietro un cielo mosso di ringhiere dentro il mare grosso
di un braciere di immensita’

oh bella mia oh bella mia
che festa sia che festa sia!

c’era un cavaliere blu
che catturo’ la gioventù di primavere
che porto’ chimere in schiavitù
libero’ le gru dalle lamiere di un cantiere
verso un campo di preghiere laggiù

dove arriverai anche tu
camminando le vie dei colori

Article Categories:
Io sono qui · Testi

Leave a Comment