Feb 8, 2005
939 Views
0 0

Alzati Giuseppe

Written by

Per te che sai che la tua solitudine
è una bugia per sopravvivere
per te che vuoi tornare giù nel sud
e intanto svuoti i posacenere
per te che hai sempre fatto economia
e non ti trovi mai un centesimo
per te che in un giardino pubblico
ancora vivi un incantesimo

andare venire
finire incominciare
tacere gridare
trovare perdere

per te che ammazzi i pomeriggi in una briscola
per te che vivi col terrore della tegola
per te che tieni tutti i sogni in una scatola
per te che cerchi di imitare Pelè
per te che ridi e non capisci perché

per te che parli sparli dici sdici sempre di politica
e tiri avanti con le pillole
per te che hai il cuore dentro un luna park
e t’innamori delle bombole
per te che conti i tuoi foruncoli
ogni mattina prima del caffè
per te che suoni la tua armonica
sdraiato in un campo di fragole

sbocciare
sfiorire
gioire disperare
sporcare pulire
aprire chiudere

per te che vivi tutto l’anno in un montgomery
per te che giochi la tua vita sopra i numeri
per te che sei sempre sommerso dai cocomeri
per te che fai tutte le cose a metà
per te che implori un poco di carità

alzati Giuseppe
troppo tempo hai perso già
alzati Giuseppe
verso la tua libertà
alzati Giuseppe
mille secoli tu hai
alzati Giuseppe
se tu vuoi tu volerai

per te che vai come un sonnambulo
nell’aria densa di caligine
per te che quando eri più giovane
hai fatto qualche stupidaggine
per te che parli sempre a vanvera
solo perché tu ci hai la scrivania
per te che ruzzi nella polvere
in una strada di periferia

tagliare cucire
partire ritornare
svuotare riempire
salire scendere

per te che affoghi i dispiaceri sopra un tavolo
per te che cerchi la fortuna dietro a un angolo
per te che ieri non hai combinato un cavolo
per te che sembri un altro con il toupet
per te che soffri e non capisci perché

alzati Giuseppe
troppo tempo hai perso già
alzati Giuseppe
verso la tua libertà
alzati Giuseppe
mille secoli tu hai
alzati Giuseppe
se tu vuoi tu volerai

tu volerai volerai volerai volerai…

Article Categories:
Sabato pomeriggio · Testi

Leave a Comment