Feb 8, 2005
853 Views
0 0

Ad Agordo è così

Written by

Ai fianchi annodo stretta la mia maglia
e poi vado a Coldifoglia
risalendo quel pendio
e tiro su i calzoni troppo lunghi
per andare a cercar funghi
in un posto che so io

e dopo una scorpacciata di mirtilli
fare le boccacce ai polli
con la lingua tutta blu

rubare le pannocchie a un contadino
e nascondersi fra il fieno
ora non mi becca più

poi scendo da lassù
a precipizio giù
seduto su un cartone a scritte blu

un bimbo che sta li
mi guarda un pò così
e poi di corsa fugge via
e guardo casa mia laggiù
è un puntolino bianco e niente più
e io sto bene qui
ad Agordo è così
ad Agordo è così

nel pomeriggio un salto al Bar Centrale
per scambiare due parole con la Gigia se gli va

e ordinare un’ombra di quel vino rosso
qui nel mazzo manca un asso
guarda un pò dov’è che sta!

stasera tutti al cinema sociale
settimana un pò speciale
c’è una serie con Totò

e su dal Meto prendersi una pizza
e per chiudere in bellezza
che faremo non lo so

magari un bel falò
per riscaldarci un pò
c’è Emma che non vuole che dice no
e allora su alla Stua
un ballo e si va via
e mentre ritorniamo io

mi volto ancora per veder
quella manciata di stelle sull’Agner
potrei dormire qui
ad Agordo è così ad Agordo è così

Article Categories:
E tu... · Testi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *