Ott 19, 2007
585 Views
0 0

Morandi celebra 45 anni di carriera

Written by

Gianni Morandi ha 63 anni, ed è in carriera dal 1962. La sua storia è una lunghissima saga del pop italiano, ora radunata in uno dei tanti “sperlari” in arrivo. Esce il 19 ottobre “Grazie a tutti”, che sembrerebbe il titolo di un disco con il quale uno saluta e se ne va, ma non è così: “E’ solo un modo per ringraziare davvero tutti coloro ai quali debbo riconoscenza, da Migliacci a Bacalov, da Battiato a Ramazzotti. Senza di loro non sarei qui, ma non appenderò le scarpette al chiodo”, mi ha precisato ieri durante una simpatica chiacchierata.

Tre dischi, con 50 canzoni. Una vita. Prima parte: gli inizi, da “Andavo a cento all’ora” a “Fatti mandare dalla mamma” che ho visto ieri sera ballare forsennatamente a una festa di laurea, con la musica del premio Oscar Luis Bacalov; ma poi soprattutto quei pezzi strappacuore di un lui che si metteva a pedalino ai piedi della sua bella: “In ginocchio da te”, “Non son degno di te”, “Se non avessi più te” arrangiata da Morricone, etc etc etc.

Secondo disco: gli Ottanta della rinascita, dopo che il suo personaggio a lungo aveva perso smalto, con l’arrivo del rock e dei cantautori. La sigla autobiografica è “Uno su mille” (ce la fa); “Canzoni stonate”, “La mia nemica amatissima”, “Bella signora”, “Banane e lamponi”. Terzo disco, il più debole: denuncia il tempo che passa e la scarsezza attuale di pezzi efficaci che possano rappresentare Morandi. Io amo molto “Io sono un treno” di Jimmy Villotti (uno troppo bravo e raffinato per aver successo), sulle altre sono freddina: “L’amore ci cambia la vita”? “Solo chi si ama veramente”? Bah. Però c’è un bell’inedito di un altro bravo artista misconosciuto, Pacifico, che ha scritto per Morandi “Stringimi le mani”.

E un duetto con Claudio Baglioni su “Un mondo d’amore”, frutto forse della comune esperienza nel progetto “O’ Scià”. Morandi dovrebbe andare con Baglioni a cantare in Libia, ma per ora tutto tace. Mi sembra che questo triplo cofanetto in discesa racconti assai bene la storia della musica popolare italiana degli ultimi 45 anni.

Fonte: www.lastampa.it

Article Categories:
Notizie

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *