Dic 27, 2005
807 Views
0 0

A Firenze, la festa di Baglioni con i suoi fans

Written by

Poco prima di Natale, Claudio Baglioni ha festeggiato a Firenze i suoi 40 anni di carriera con gli iscritti del suo fan club. Oltre cinque ore di spettacolo, con ospiti come Marco Masini, Paolo Vallesi e Mariella Nava.

Il Clab è l’associazione culturale di Claudio Baglioni. Ogni anno il suo presidente, Baglioni in persona, chiama a raccolta i suoi per dialogare con loro di musica e arte. Non solo le sue canzoni, ma anche tutti quei pezzi che lo hanno fatto avvicinare alla magica arte della canzone.

Così, con i suoi primi quaranta anni di carriera nei capelli, Baglioni si è presentato sabato 17 dicembre a Firenze per l’annuale appuntamento con il suo pubblico. Intitolato ‘Tutti qui’, dal titolo del suo recente singolo, il raduno è stato un momento per rimettere insieme tutti i pezzi di una carriera vissuta sempre al vertice e sempre in prima persona. Convocati dal cantautore romano, sono saliti sul palco tutti i musicisti che da sempre hanno collaborato con lui. Con lui hanno cantato offrendo al pubblico versioni inedite di brani famosi.

Claudio Baglioni ha prestato il suo palco anche alle canzoni altrui di personaggi più o meno famosi. Al pianoforte si sino seduti anche Marco Masini, Paolo Vallesi e Mariella Nava. Sono state più di cinque ore di spettacolo. Potevano entrare solo gli iscritti al Clab muniti di tessera o di ricevuta del versamento della quota di iscrizione. E’ stato Baglioni stesso all’inizio del raduno a ‘batter cassa’, spiegando le ragioni dell’aumento della quota associativa a partire dal 2006. I suoi ascoltatori non hanno battuto ciglio. Il trattamento riservato loro con questi appuntamenti annuali è sempre stato generoso e puntuale.

Inopportuni i fischi di alcuni fans durante le esibizioni degli ospiti portati da Claudio Baglioni sul palco. Il cantautore in persona ha gelato con lo sguardo la parte della platea da cui le proteste si stavano levando. Martedì 20, Baglioni è arrivato a Torino per un concerto gratuito in cui ha presentato l’inno scritto per i giochi olimpici di febbraio. In occasione dell’apertura dei giochi lo canterà dirigendo un’orchestra di centoventi elementi. Intanto cominciano a girare voci sul suo nuovo album. Potrebbe uscire il prossimo anno una volta spenta la fiamma olimpionica.

Article Categories:
Notizie

Leave a Comment