Lug 28, 2009
2551 Views
0 0

Claudio incanta la città di Foggia

Written by

Terzo appuntamento per Foggia Estate 2009, ieri sera al Teatro Mediterraneo, per il tanto atteso concerto di Claudio Baglioni. L’artista romano ritorna a Foggia dopo nove anni, con il suo Q.P.G.A. (Questo Piccolo Grande Amore, ndr), uno spettacolo di oltre due ore in cui la musica protagonista assoluta, viene anche raccontata per immagini.

Uno progetto articolato e complesso, che comprende il film omonimo, uscito nelle sale nel giorno di San Valentino, il romanzo, pubblicato a Marzo, la tournee ‘Gran Concerto’ partita da Roma a giugno e, a conclusione del tour, un doppio CD live. Una formula di spettacolo innovativa e altamente professionale, unica nel suo genere. Per la prima volta, infatti, sarà un tour ad anticipare i contenuti di un album ancora inedito.

La prima parte dello show scorre via piuttosto lentamente, con frasi, ricordi e parole, proiettati sullo sfondo di un super-schermo ciclorama. Baglioni, sempre molto elegante, si cambia spesso d’abito e non rivolge la parola al pubblico, piuttosto si lascia raccontare attraverso le sue canzoni, con le diapositive di una Roma a lui tanto cara, sempre presente nei suoi racconti insieme alle immagini del film.

Tra una canzone e l’altra intona il brano legante di tutto lo show ‘Questo piccolo grande amore’ che esegue poi per intero nella seconda parte dello spettacolo, salutando Foggia, con grande partecipazione del pubblico. A questo punto inizia quello che per l’audience ha rappresentato il concerto vero e proprio. Una luce illumina le gradinate e il pubblico si alza in piedi, canta e balla. Seguono tutti i suoi più grandi successi ‘Avrai’, ‘Mille giorni di te e di me’, ‘E tu’ e il brano più coinvolgente ‘Amore Bello’.

Sulle note di ‘Strada Facendo’ una folla di giovani donne, teenager e signore di una certa età si accalcano verso il palco in massa e finalmente si scioglie una certa tensione dovuta alla compostezza obbligata dai posti a sedere.  Uno show che sembra non avere fine, sempre più intenso sul finale, così ricco di emozioni, con tanti spezzoni di vita musicale dell’artista, un viaggio tra il passato e presente della colonna sonora che ha fatto innamorare tante generazioni.

A conclusione del concerto, la proiezione del video di ‘Questo Piccolo Grande Amore’. La folla si dissolve, scorre qualche lacrima, si vedono abbracci, volano baci, effusioni in una poesia d’amore italiana che sembra non avere fine.

Fonte: Luana Salvatore

Article Categories:
Notizie

Leave a Comment