Mar 3, 2006
662 Views
0 0

Claudio Baglioni contro l’iva 20%

Written by

L’iva sulla musica stona. Da domani, venerdì 3 marzo 2006,* Sony BMG* applicherà uno sconto del 16% su alcuni prodotti che raccolgono il meglio della propria produzione.

E Claudio Baglioni e Mogol soi chierano con l’iniziativa provocatoria che SONY BMG promuove non solo a favore dei consumatori, ma anche per sensibilizzare il Legislatore sull’opportunità che l’Italia faccia del disco un prodotto "culturale" assoggettato all’I.V.A. del 4% invece del 20%, equiparando l’aliquota a quella già applicata per esempio agli spartiti ed ai libri.

“Anche io ho aderito all’iniziativa”, dice Claudio Baglioni, uno dei tanti artisti che partecipano alla proposta rinunciando ad una parte dei propri compensi “Credo che sia importante riportare l’attenzione degli organi istituzionali e del pubblico su questa palese contraddizione che penalizza la fruizione dei dischi e la cultura italiana”

Per dirla con Mogol “La musica è cultura e deve essere resa accessibile a tutti. Ho deciso di partecipare a questa campagna in prima persona, perché ritengo che sia importante dare un segnale forte non solo a parole, ma concretamente, nei fatti”

Come è purtroppo risaputo, il prodotto discografico è oggi classificato in Italia tra i "beni di consumo di lusso" e non come prodotto culturale, questo nonostante lo Stato inserisca la musica tra le materie obbligatorie d’insegnamento alla stregua della letteratura o della storia, impegnando lodevolmente molte risorse affinché sin dalla più tenera età le nuove generazioni siano educate allo studio ed all’ascolto di quella che da sempre è considerata la regina delle arti.

Quello di Sony BMG non è quindi uno sconto, ma un atto concreto di libertà e di giustizia nei confronti degli appassionati e dei musicisti, degli artisti e dei rivenditori.

Sony BMG, sostenendo peraltro uno sforzo economico ingente, sta pertanto avviando una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica tesa a colmare l’ingiusto divario fiscale che penalizza il disco rispetto agli altri prodotti culturali, il libro prima di tutti, proponendo ai consumatori una selezione della propria produzione con lo sconto del 16%, pari alla differenza tra l’aliquota IVA applicata sul disco e quella dei prodotti culturali.

Dal 3 marzo 2006, e per tutto il mese, i cofanetti SonyBMG più richiesti dal mercato, composti da 3 CD, costeranno 24,90 Euro* (* prezzo consigliato) invece di 29,90 Euro, con uno sconto reale per il consumatore di 5 Euro.

Diciotto i titoli proposti, di grandissimi artisti italiani e internazionali, in assoluto il meglio del nostro repertorio:

Claudio Baglioni “Tutti qui” , Fabrizio De André “In direzione ostinata e contraria”, Vasco Rossi “Canzoni al massimo”, Lucio Battisti “Le avventure di Lucio Battisti e Mogol” e “Le avventure di Lucio Battisti e Mogol/ /2”, Riccardo Cocciante ”Tutti i miei sogni“, Mia Martini “La neve, il cielo, l’immenso”, Bob Dylan “Biograph”, Giorgio Gaber “Giorgio Gaber//, prima del signor G”, Rino Gaetano“Sotto i cieli di Rino”, Janis Joplin “Janis”, Patty Pravo “Canzoni stupende”, Various “Le storie di Mogol”, Various “Grandopera”, Aerosmith “Pandora’s box”, Earth, wind and fire “The eternal dance”, Elvis Presley “The history”, Carlos Santana”The dance of the rainbow serpent”

Ma l’iniziativa non finisce qui.

Per tutto aprile una selezione di 18 titoli passerà dal prezzo ivato di 10,90 Euro, ad un prezzo di 8,90 Euro* (* prezzo consigliato), scontato del 16% e assolutamente concorrenziale rispetto al prezzo praticato dai venditori di cd pirata.

Nel mese di maggio sarà la volta di 30 CD doppi, che costeranno 15,90 Euro* (* prezzo consigliato) invece di 19,90 Euro. Il 16% di I.V.A. in surplus, lo paga *Sony BMG*.

Fonte: www.ladysilvia.it

Article Categories:
Notizie

Leave a Comment